Abruzzo, Chieti, Torre Valignani, Sambuceto, Castiglione

Abruzzo, Chieti, Torre Valignani, Sambuceto, Castiglione

Valore stimato — €279.3

Per informazioni su questo oggetto contattami.

 

S. GAROFALO

 

 

 

A PRO DE' COLONI

 

DI

 

TORRE VALIGNANI

 

CONTRA

 

IL SIGNOR MARCHESE

 

D. GIUSEPPE CASTIGLIONE

 

EX FEUDATARIO DELLA SUDDETTA VILLA

 

 

 

NELLA G.C. CIVILE DEGLI ABRUZZI

 

 

 

 

 

S.i.t., s.d. (primo '800)

 

Cm.31, pp. 26, senza legatura.

 

 

 

Interessante antica allegazione, di grande interesse storico-locale abruzzese oltre che giuridico,

 

dove è la dissertazione del Garofalo, difensore dei diritti dei coloni della contrada di Torre Valignani (tra Pescara e Chieti), dalle pretese usurpatorie baronali, nonostante i pronunciamenti delle commissioni feudali che avrebbero dovuto generalmente proteggere i coloni dai propri feudatari;

 

e infatti nel presente caso viene portato all'attenzione della Gran Corte, il comportamento oppressorio del tenutario locale -il marchese Castiglione- oggetto della controversia per le angherie e parangherie nei confronti dei contadini delle tenute di Forcabubolina, Torre Valignani, Torre Toppi, Torre Lanuti, Sambuceto, Prima Villa, anche se la controversia venne aperta sopratutto dall'Università di Torre Valignani, che lamentava

 

"...pretese del terraggio tomolo per tomolo, sotto pretesto di un territorio tutto infeudato,...terraggio da tutti i prodotti, non esclusa la paglia, e l'eba del granodindia,...costringendo i Coloni a formare tante aje per quanti pezzi di terreno seminavano..."

 

 

Impossibile poter sintetizzare l'articolata e dotta dissertazione, dove troviamo molte citazioni di fatti e località, persone e contrade, come i Valignani, Torre Montanara, Wispeare, de Thomasis, Chieti, Lattanio.

 

 

 

OPERA DI INTERESSE STORICO-LOCALE ABRUZZESE, GIURIDICO, BIBLIOGRAFICO

rarissima edizione originale e d'epoca, nessun esemplare noto nel sistema bibliotecario nazionale italiano.

 

Modesta conservazione generale, segni e difetti d'uso e d'epoca, sparse fioriture, ampie macchie tipo gore, piegature e sgualciture e strappetti marginali, annotazioni,  senza copertine o legatura, parzialmente sciolta e pertanto meritevole di rilegatura ed eventualmente di restauro, ma anche così opera fascinosa nel suo evidente vissuto, di gustosa lettura sopratutto per appassionati e storici locali; è presumibile che l'edizione sia stata impressa localmente, forse da una stamperia chietina, nella prima metà dell'800, penso circa 1830. 

 

(l' immagine allegata raffigura un particolare della prima carta ossia del frontespizio-copertina)

Abruzzo, Chieti, Torre Valignani, Sambuceto, Castiglione