Barbarani, Dialetto, Folklore, Veneto, Verona, Trento, Adige

Barbarani, Dialetto, Folklore, Veneto, Verona, Trento, Adige

Valore stimato — €108.5

Per informazioni su questo oggetto contattami.

BERTO BARBARANI

 

 

 

 

I DUE CANZONIERI

 

...

 

 

 

Verona, Pietro Apollonio, 1921

 

 

Cm.16, pp. 288, senza legatura.

 

 

Interessante antica e rara edizione d'epoca,

bella ampia raccolta di componimenti in dialetto veneto-veronese,

tra i quali anche uno in cui si fa riferimento all'emigrazione verso l'America,

riferimenti anche a Trento e all'Adige, ...

il tutto così sommariamente distinti:

EL ROSARIO DEL COR: ai asili, la pita, el ritrato, el piano forte, la bogonela, la rablete, cantada de magio, la soca de Nadal,...

 

I PITOCHI: el bastardo, el gobo, el vecio de la bancheta, San Martin, i va in Merica,...

 

LE MONTEBALDINE: el Montebaldo e le montebaldine, su l'Adese, la camara dei sposi, matina de bosco, nina nana, Santa Lussia, Val de Poro, ....

 

EL CAMPANAR DE AVESA: Avesa lavandar, el campanar de Avesa

 

LE ADESINE: qua dove l'Adese, i canarini, el montanar pacifico, la margarita de Trento, ...

 

LE TRE CUNE: la serva disonorata, l'ultima barufa, la cuna

 

SAN ZEN CHE RIDE: LA DIMANDA DE NOSSE - VAL D'ADESE

 

GIULIETA E ROMEO: Verona,el zugo del capelo, cavalcada de Romeo, ....

 

 

 

OPERA DI INTERESSE STORICO-LOCALE, CULTURALE, LETTERARIO, FOLCLORICO, BIBLIOGRAFICO

 

Discreta conservazione generale, segni e difetti d'uso e d'epoca, sparse fioriture e vari scarabocchi, non presente la copertina originale che doveva essere stata illustrata da A. Dall'Oca Bianca (usualmente quando un libro veniva rilegato i rilegatori maldestramente eliminavano le copertine in brossura);

complessivamente esemplare di gustosa lettura, eventualmente meritevole di rilegatura.

 

########

 

Berto Barbarani (1872-1945) è stato forse il maggiore poeta dialettale veronese. Ecco uno dei suoi passi più famosi, contenente la sua "dichiarazione di poetica":

« Quà, dove l'Adese, sensa fermarse

rompe nei ponti la so canson,
stao atento ai versi che pol negarse,
li tiro a riva, col me baston...
Li tegno al suto, li meto al caldo
parchè i renvegna, che i ciapa fià,
li mando a spasso sul Montebaldo
che li fa degni de sta çità.
Quando jè svelti, libari e pronti,
ridoti a l'uso de la rason,
mi che me godo guardar dai ponti,

rompo ne l'Adese la me canson.... »
(Quà dove l'Adese)

 

Barbarani, Dialetto, Folklore, Veneto, Verona, Trento, Adige