Gastronomia, Cucina Casareccia, Minestre, Carne, Pesce, Dolciaria, Gelati, Napoli, '800

Gastronomia, Cucina Casareccia, Minestre, Carne, Pesce, Dolciaria, Gelati, Napoli, '800

Valore stimato — €803.33

Per informazioni su questo oggetto contattami.

IPPOLITO CAVALCANTI

DUCA DI BUONVICINO

 

 

 

 

 

CUCINA

 TEORICO-PRATICA

 

CUMULATIVAMENTE COL SUO CORRISPONDENTE RIPOSTO

PICCOLA PARTE APPROSSIMATIVA DELLA SPESA

 

CON LA PRATICA DI SCALCARE, E COME SERVIRSI DEI PRANZI E CENE

CHE VENGONO COADJUVATI DA DIVERSI DISEGNI IN LITOGRAFIA

 

FINALMENTE

QUATTRO SETTIMANE

SECONDO LE STAGIONI

 

DELLA VERA CUCINA CASARECCIA

 

IN DIALETTO NAPOLETANO

COMPOSTA

DAL CAV. SIG. D. IPPOLITO CAVALCANTI

DUCA DI BUONVICINO

 

OTTAVA EDIZ.

....

 

 

 

 

 

Napoli, G. Capasso, 1859

 

Cm.23, pp.456 (su 471+1 nn.), senza legatura.

 

 

 

 

Interessante edizione antica e d'epoca,

raro e "gustoso" volume, ben nota opera di culinaria e gastronomia del Cavalcanti,

con all'interno una ampia raccolta di ricette di cucina,

ma anche ricette relative a preparazioni dolciarie, dolci e gelati, biscotti, torte, ...;

 

volume con innumerevoli ricette, utile manuale pratico di cucina, proposte giorno per giorno,

il tutto ovviamente di impossibile adeguata sintesi!

 

 

opera molto fortunata, che nel corso dell'800 ebbe varie edizioni, tutte di raro reperimento sul mercato antiquario,

 

la presente corrisponde all'ottava edizione, che ricalca la precedente, ossia la settima,

 

comprendente una appendice, relativa alla

 

CUCINA CASARECCIA

in dialetto napolitano,

 

 

con gustosissime e folkloriche ricette scritte in dialetto, con l'utilizzo dei termini dialettali locali napoletani per indicare i vari cibi o i componenti di cucina, e la descrizione completa dialettale di ogni ricetta proposta;

 

tra esse:

 

 le sfogliatelle de recotta,

paternostielle ncasciate co lo zuco de carne a la genovese,

pizza doce co la pasta nfrolla,

fritto de cardune,

 fecato fritto,

 torza co l'uoglio,

alice ammollecate,

 ova toste co la sarza verde,

 arrusto de lacierte,

 baccalà ntortiera,

 

 zizza ammollecata ("chisto è stato sempe no bello piatto, e a me m'è piaciuto, e me piace assje quanno propriamente è de chella tennera, che non sempe te ne può addonà,.....dint'a lo furno la farraje ncroscà, e fatta accussì t'assicuro, che è na bella cosa saporita");

 

maccarune,

seccetelle a lo tiano,

carcioffole fritte,

porpette,

arrusto de tunno,

frettata co la cepolla,

menestra de fasulille,

zeppole,

fritto de seccetelle,

fritto de cocozielle,

fave secche,

ova mpriatorio,

zeppolelle de vurracce,

braciolone de puorco,

.....

 

ma nel corso del volume troviamo proposte per un intero pranzo:

dal primo servizio di cucina, al primo servizio di riposto, al secondo servizio di cucina e secondo servizio di riposto, vini esteri, desserts,

....

 

 

complessivamente presenti ricette relative a praticamente tutti gli elementi o portate costitutive di un pranzo, da minestre a primi e secondi piatti, a base di pesce o carne o cacciagione, interiora, trippa,  legumi, ortaggi, pasta, zuppe, riso, fritti, salse, pomodori, ...e dolci vari, creme, cioccolato, mostaccioli, sorbetti, torrone, creme o dolci alla frutta, meringhe, gelati,....con anche citazioni relative a vari vini e liquori;

 

volume di grande utilità per appassionati di cucina e gastronomia e dolciaria, utile a dilettanti e a professionisti, cuochi e ristoratori, con ricette tutte meritevoli di essere sperimentate,

 molte ricette probabilmente andate in disuso nel corso degli anni, per cui potrebbero emergere gusti e sapori di altri tempi!

 

 

 

 

 

DI INTERESSE CULINARIO, GASTRONOMICO, DOLCIARIO, ENOLOGICO, STORICO-LOCALE, FOLKLORICO, COLLEZIONISTICO, BIBLIOGRAFICO

 

rara edizione! attualmente un solo esemplare noto nel sistema bibliotecario nazionale italiano;

 

per appassionati e collezionisti di tematica specifica inerente cucina e gastronomia, utensili d'epoca, folklore, ristorazione, ....per cuochi dilettanti e professionisti!

 

 

Modesta conservazione generale, segni e difetti d'uso e d'epoca, diffuse fioriture e sgualciture e piegature e strappetti e difetti vari marginali, scompleto di alcune pagine finali e della tavola illustrativa f.t., volume utile per completazione, senza legatura o copertine e dorso rotto e parzialmente sciolto e pertanto volume meritevole di rilegatura; con timbro editoriale di garanzia della presente edizione, impresso al verso del frontespizio;

 

NOTA IMPORTANTE: il volume è da considerarsi scompleto, poichè manca la tavola illustrativa fuori testo citata al frontespizio, tavola comunque mancante anche all'unico altro esemplare repertoriato nel sistema bibliotecario nazionale,

stampa probabilmente andata dispersa nel corso degli anni perchè il volume non è mai stato rilegato (e pertanto risulta a fogli sciolti);

inoltre mancano anche alcune pagine finali, anch'esse andate disperse, ma di queste pagine solo due erano relative al testo del volume e trattavano di accessori di cucina, mentre le altre pagine finali mancanti sono solo di indice, tra cui l'indice alfabetico del ricettario,

pertanto difetti di scarsa importanza,

perchè il volume ricalca la edizione precedente (salvo l'aggiunta di pochissime pagine di appendice, appendice che come già detto riguarda alcuni accessori o pentolame di cucina), per cui il presente volume può considerarsi completo rispetto alla edizione precedente, e infatti a pagina 453 l'autore scrive, in dialetto napoletano:

"E' fenuto pe Grazia de Dio"

ossia l'autore annota con soddisfazione la fine del volume, a cui segue una breve "conchiusione" di poche righe,

e successivamente comincia l'"APPENDICE POSTO DALL'EDITORE NELLA 7a EDIZIONE", e di questa appendice qui sono presenti le prime tre pagine originarie (fino a pagina 456) mentre le altre due pagine di appendice (pag. 457 e 458) mancanti, sono qui unite in fotocopia, e in fotocopia sono qui allegate anche le pagine finali di indice

per cui complessivamente il volume termina con le sue pagine originali a pagina 456, e le rimanenti sono unite in fotocopia, quindi complessivamente le pagine del volume sono 471 (con una pagina finale non numerata, che porta l'autorizzazione alla stampa), così come si evince anche dall'unico esemplare repertoriato (al quale abbiamo attinto per le fotocopie delle pagini mancanti);

 

complessivamente volume ben leggibile e ottimo manuale di ricette, repertorio a cui attingere per poter gustare anche inusuali ricette!

 

 

 

 

(le immagini allegate raffigurano alcuni particolari dell'intero volume, eventuali ulteriori informazioni a richiesta)

 

Gastronomia, Cucina Casareccia, Minestre, Carne, Pesce, Dolciaria, Gelati, Napoli, '800