Fedro, Agliata, Peste, Atene, De Velo, Tucidite, Cassitto, 800

Valore stimato —139.3

Per informazioni su questo oggetto contattami.

GIAMBATTISTA DE VELO

 

TRADUZIONI


NUOVE FAVOLE DI FEDRO XXX

L’AGLIATA DI AULO SETTIMIO SERENO

DESCRIZIONE DELLA PESTILENZA D’ATENE DI TUCIDIDE

 

Pavia, Tip. Balzani, 1812.

Cm.21, pp.111, bross.edit. (sciupata)

 

Interessante edizione antica e d'epoca,

 antica raccolta delle cosiddette “Nuove Favole” dell’autore noto come Fedro o Esopo, allora da poco scoperte dal sig. Cassitto;

 il testo presenta l’originale latino e a fronte la traduzione sottoforma di volgarizzamento,  in versi italiani; 

tra i componimenti ricordiamo quelli dedicati a divinità quali MERCURIO, PROMETEO, GIUNONE, VENERE, a insigni personaggi politici come POMPEO, a meretrici, soldati, che ritraggono vivaci scene di vita quotidiana, senza dimenticare quelli, celeberrimi, dedicati ad animali;

nella seconda parte dell’opera troviamo il MORETUM ossia L’Agliata di Aulo Settimio Sereno, il celebre poeta falisco, liberto dell’impero di AUGUSTO: trattasi di un agevole e gentile poemetto, che prima i filologi classici facevano rientrare nel corpus di scritti più noto come APPENDIX VERGILIANA, e il cui autore si identificava precedentemente con VIRGILIO, ma l’erudito Giuseppe SCALIGERO lo attribuì per primo, non senza verosimiglianza, al poeta georgico Sereno; questo bel parto delle Latine Muse, in tal genere non inferiori alle Siciliane di MOSCO e di TEOCRITO, servì di modello alla elegantissima Ecloga intitolata il Celèo di Bernardino BALDI, autore stimatissimo del poema italiano La Nautica;

conclude il volume la descrizione della pestilenza d’Atene tratta dal libro II delle Storie di TUCIDIDE, e onde meglio conoscere la fedeltà della versione italiana, a più comune intelligenza del testo Greco emendato dall’ Heresbachio venne sostituita la traduzione latina di Lorenzo VALLA corretta dal dottissimo Arrigo Stefano.


DI INTERESSE CULTURALE, LETTERARIO, SPECIALISTICO, BIBLIOGRAFICO

Buona conservazione generale, segni e difetti d'uso e d'epoca, sparse fioriture, difetti vari alle carte estreme, opera slegata e senza legatura con solo conservata la copertina anteriore, pertanto esemplare meritevole di rilegatura.

 

Sono vietate riproduzioni non autorizzate.