Folklore, Arte, Animata Scena Di Mercato, Monza, Piazza Mercato, 1910, Arte, Caprotti immagine 1

Folklore, Arte, Animata Scena Di Mercato, Monza, Piazza Mercato, 1910, Arte, Caprotti

Valore stimato —89.25

Per informazioni su questo oggetto contattami.

G. CAPROTTI

PIAZZA MERCATO

...

 

 

Interessante antica edizione,

stampa a colori raffigurante una animatissima scena folklorica, un mercato con persone varie e animali e banchi di vendita e ombrelloni e coperture varie, presumibilmente la Piazza Mercato di Monza, così come la vide ai suoi tempi il pittore Guido Caprotti;

misura circa cm.34x42 l'intero foglio compresi i margini bianchi diseguali; stampa a colori, ispirata ad un dipinto del Caprotti della Pinacoteca Civica di Monza; stampa edita all'epoca  "a cura della rivista La Città di Monza; stampa databile presumibilmente alla prima metà del '900.

 

DI INTERESSE ARTISTICO, FOLKLORICO, STORICO-LOCALE, COLLEZIONISTICO, DECORATIVO

 

Modesta conservazione generale, segni e difetti d'uso e d'epoca, sparse fioriture e piegature e sgualciture e segni di arrotolamento e difetti vari marginali o così come visibili nelle immagini allegate; unico foglio in carta leggera, impresso al recto verso bianco;

stampa meritevole anche di essere inserita sotto passpartout ed incorniciata.

(le immagini allegate raffigurano alcuni particolari dell'intero foglio, eventuali ulteriori informazioni a richiesta)

####

dal web: wikipedia

Guido Caprotti (Monza5 ottobre 1887 – Ávila6 settembre 1966) è stato un pittore italiano, la cui massima notorietà si ebbe però in Spagna.

Il palazzo Superunda (chiamato anche Palazzo Caprotti), presso il quale sono esposte molte opere di Caprotti e vive la famiglia

Nei primi anni del '900 fu membro del cenacolo culturale detto "Coenobium", frequentato da pittori, scultori e letterati fra i quali Eugenio BaioniAnselmo Bucci e Leonardo Dudreville[1].

Trasferitosi in Spagna nel 1918, scelse come base per il suo lavoro la città di Avila, nella quale aprì un apprezzato studio pittorico[2].

Impegnato prevalentemente nella pittura paesaggistica e nella decorazione di palazzi ed arredi urbani, si occupò anche discultura e della creazione di ceramiche.

Dopo la sua morte, per volere degli eredi, passarono alla proprietà governativa circa 900 manufatti fra quadri, sculture, registrazioni e strumenti musicali[3]; opere in seguito esposte nell'ampio palazzo Superunda (Secolo XVI), abitato dal 1960dalla famiglia Caprotti.

119.93
  • Medicina, Farmacia, Architettura Dinterno, Monaci Farmacisti Certosini, Firenze anteprima

    Medicina, Farmacia, Architettura Dinterno, Monaci Farmacisti Certosini, Firenze

    Valore stimato —62.99
  • Bella Veduta Orientalista, Costumi, Personaggi, Antica Incisione A Colori, Bigatti anteprima

    Bella Veduta Orientalista, Costumi, Personaggi, Antica Incisione A Colori, Bigatti

    Valore stimato —178.5
  • Beatrice Tenda, Antico Ritratto Litografico, Lito Bertotti, Decorativa Litografia anteprima

    Beatrice Tenda, Antico Ritratto Litografico, Lito Bertotti, Decorativa Litografia

    Valore stimato —108.5
  • Ingegneria, Ponti, Antico Ponte Sulladda, Veduta Fotografica Alinari, Trezzo, Stampa anteprima

    Ingegneria, Ponti, Antico Ponte Sulladda, Veduta Fotografica Alinari, Trezzo, Stampa

    Valore stimato —83.3