Napoli, Storia Ditalia, Cannada, Minervini, Interessante Edizione Dell800, d'Epoca

Valore stimato —125.3

Per informazioni su questo oggetto contattami.

GAETANO CANNADA

 

 

 

 

 

DISCORSO INTORNO ALLA STORIA D'ITALIA

 

 

 

Napoli, Sirena, 1869

 

Cm. 21,5; pp. 87; senza legatura.

 

 

Interessante edizione antica e d'epoca,

 "primo lavoro intorno ai supremi destini di nostra stirpe",

così come l'autore si premura di indicare nella dedica rivolta a Mauro Minervini;

 

con all'interno una ampia dissertazione storica che spazia dai tempi antichi a quelli contemporanei all'autore stesso, 

 

dai primi popoli primitivi avanti Roma, a Roma e la Repubblica Romana, l'Imperio e gl'Imperatori Romani, i Barbari, gli Imperatori Romani e i Re d'Italia,

i Comuni Italiani, le Crociate, le preponderanze straniere in Italia, l'Italia e la Casa Ispano-Austriaca,...

la Rivoluzione Francese, Napoleone, Murat, il trionfo dell'Indipendenza, ...;

 

 

con numerose citazioni inerenti località italiane di varie regioni d'Italia, e moltissimi nomi di protagonisti di secoli di storia.

 

 

 

DI INTERESSE STORICO, STORICO-LOCALE, BIBLIOGRAFICO

rarissimo esemplare originale e d'epoca, non presente nel sistema bibliotecario nazionale,

 

rara edizione, attualmente nessun esemplare noto nel sistema bibliotecario nazionale (mentre sono presenti altri titoli di opere sopratutto giuridiche ascrivibili ad un Gaetano Cannada Batoli, autore che potrebbe anche corrispondere al nostro).

 

Discreta conservazione generale, segni e difetti d'uso e d'epoca, diffuse fioriture, sgualciture marginali, esemplare slegato e parzialmente sciolto, senza legatura e senza copertine, dorso rotto, opera pertanto meritevole di rilegatura.

#########

 

 

..Per anni Nicotera cercò inutilmente di farsi restituire la somma: nel 1885 diede mandato all'avvocato Gaetano Cannada Batoli, uno dei più noti ed apprezzati legali napoletani, che divenne tutore della Pisacane per il recupero della dote ed ormai esasperato querelò Del Giudice nel maggio 1887. Il 26 novembre di quell’anno il Senato si costituì in Alta Corte di Giustizia nominando una Commissione istruttoria su Del Giudice formata da Francesco Auriti, Luigi Basile, Tancredi Canonico, Tommaso Celesia di Vegliasco, Vincenzo Errante e Giuseppe Piroli. Nella lunga istruttoria furono chiamati in causa deputati e banchieri, alcuni dei quali di lì a qualche anno saranno coinvolti nel famoso scandalo della Banca Romana. (dal web)

Sono vietate riproduzioni non autorizzate.