Viaggi, Roma, Firenze, Milano, Parigi, Ipocondria, Arte, Marche, Illustratore Bucci, 1938

Valore stimato —108.5

Per informazioni su questo oggetto contattami.

GIOVANNI RAJBERTI

 

 

IL VIAGGIO DI UN IGNORANTE

 

OSSIA

 

RICETTA PER GLI IPOCONDRIACI

 

 

 

Milano, Bertieri, 1938

 

Cm. 19, pp. 255, brossura editoriale.

 

 

Interessante edizione,

una delle opere del noto autore, scrittore ma all'epoca anche medico,

volume in cui vengono narrate storie di viaggi a Roma, Firenze, Milano, Parigi, Londra,...;


con trattazione di ardua sintesi ma contraddistinta da fine umorismo o sarcasmo;

 

edizione arricchita da quattro belle illustrazioni dell'artista marchigiano Anselmo Bucci, illustrazioni in tavole inserite fuori testo.


 

 

DI INTERESSE CULTURALE, ARTISTICO, STORICO LOCALE, LETTERARIO, BIBLIOGRAFICO

 

Buona conservazione generale, segni e difetti d'uso e d'epoca, usuali sparse fioriture e difetti vari marginali o così come visibili nelle immagini allegate.


(le immagini allegate raffigurano alcuni particolari dell'intero volume, eventuali ulteriori informazioni a richiesta)


....

 

Anselmo Bucci nasce a Fossombrone nel 1887. Inizia a dipingere giovanissimo e compie gli studi classici in Veneto, dove la sua famiglia si era trasferita. Nel 1905 si iscrive all'Accademia di Brera, a Milano, ma già nel 1906 va a vivere a Parigi. Qui, dopo un periodo iniziale di terribili stenti ("Sono arrivato a Parigi nel 1906. Ho fatto il primo pasto nel 1910" scriverà lui stesso) viene apprezzato da critici come Apollinaire e Salmon. Le sue incisioni di Paris qui bouge (Parigi in movimento) sono stampate da Devambez, un importante editore parigino.

In questo periodo Bucci vive a Montmartre, dove frequenta Modigliani, Severini, Picasso, Utrillo, Dufy e altri artisti. Conosce da vicino le ricerche delle avanguardie, ma rimane fedele a una figurazione post-impressionista, che racchiude anche memorie della classicità italiana.

Nel 1912-13 si allontana da Parigi, compiendo in Sardegna, in Africa, nel Sud della Francia lunghi viaggi, di cui rimane traccia nella sue opere.

Nel 1914, allo scoppio della guerra, si arruola volontario nel "Battaglione Ciclisti" insieme con Marinetti, Boccioni, Sant'Elia e altri futuristi. Diventa uno dei più prolifici "pittori di guerra".

Intorno al 1919-20 la sua ricerca matura una svolta classica, pur senza abbandonare i contatti con Parigi, avvicinandosi alla cerchia della scrittrice Margherita Sarfatti. Nel 1922, insieme con Sironi, Funi, Dudreville, Malerba, Marussig, Oppi, fonda il gruppo del "Novecento", animato dalla stessa Sarfatti. Il nome del gruppo si deve proprio a Bucci. Nel 1926 partecipa alla I Mostra del Novecento Italiano. Gradualmente ,però, si stacca dal gruppo, e negli anni trenta torna a impostare la sua ricerca su un naturalismo dai delicati cromatismi.

Bucci è stato anche scrittore (nel 1930 vince il Premio Viareggio con Il pittore volante).

Inesauribilmente varia nei temi, percorsa spesso da un sottile senso di ironia, la pittura di Bucci è, come egli amava dire, la ricerca "del vero, aureolato di poesia". "Non ho mai cercato di mentire in uno stile ,ma di dire la verità in lingua corrente" ha scritto lui stesso.

Anselmo Bucci muore a Monza nel 1955.(dal web)


Il 28-giu-17 alle 01:23:45 CEST, il venditore ha aggiunto le seguenti informazioni sull'oggetto:

Sono vietate riproduzioni non autorizzate.